i numeri dell'edizione 2022
+300
espositori
+100
eventi
+77
stage
+1.000
startup
+36.000
presenze
+6MLN
di utenti online
+49
paesi
+300
investitori
+700
speaker e ospiti
MAINSTAGE
+100 talk e show
+25
Band e artisti

Il Programma Formativo del WMF2022

In partnership with
Logo Collaborazione

Gli interventi del 16 Giugno 2022

16 Giugno 2022
10:40 - 11:20
Digital Health

Dalla digital health alla digital medicine

La digital health è entrata prepotentemente nel dibattito della sanità del futuro. Per identificare le corrette soluzioni è però importante fare chiarezza nella terminologia e saper distinguere le soluzioni che garantiscono sicurezza ed efficacia clinica. Il ruolo della ricerca clinica è fondamentale per produrre evidenze 
scientifiche a favore della sicurezza e delle efficacia (clinica) delle soluzioni digitali.
Santoro
Eugenio Santoro
Responsabile del Laboratorio di Informatica Medica all'Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri IRCCS   
16 Giugno 2022
11:40 - 12:20
Digital Health

eHealth e telemedicina nel PNRR: la nuova organizzazione della sanità

Il “combinato disposto” del PNRR (M6C1 et M6C2) e del DM71 non solo ridisegnano una nuova organizzazione per il SSN, ma propongono un nuovo modello per l’intero mondo della sanità orientato al territorio, alla medicina personalizzata, al corretto uso delle innovazione tecnologica. Nei prossimi 48 mesi vi sarà una svolta epocale e 
si creeranno, nel bene e nel male, numerose opportunità. La scienza e il malato auspicabilmente la faranno da padrone.
Antonio Vittorino Gaddi
Antonio Vittorino Gaddi
Presidente at Società Italiana di Telemedicina   
16 Giugno 2022
14:20 - 15:00
Digital Health

Digitale sì, ma prima di tutto una cultura tecnologica

Leogrande
Lorenzo Leogrande
AIIC - Associazione Italiana Ingegneri Clinici   
16 Giugno 2022
15:20 - 16:00
Digital Health

Healthtech innovatinon: funding and talent

Victor Savevski
Victor Savevski
   
16 Giugno 2022
16:20 - 17:00
Digital Health

Sanità Digitale: dal dire al fare

Si parla spesso di dati ma, ovviamente il paziente vuole CURE, per partire dalle cure e generare dati queste debbono essere "digitali" e digitali lo sono già, nessuno usa più le macchine da scrivere, ma word o powerpoint o excel non generano i dati come li vogliamo. Il dato ha, per poter essere usato, bisogno di molti "qualificatori", 
deve essere validato, deve essere classificabile e standardizzabile, deve essere disponibile ecc... La vera evoluzione, rispetto all'antica "cartella clinica elettronica" è 1) nella modalità in cui vengono generati i dati, in modo quasi "invisibile" durante il processo di cura, che sia in presenza o in TELE, 2) nel modo in cui vengono archiviati e custoditi (cloud, distribuiti ecc) 3) come vengono analizzati, IA, Big Data Analytics In sintesi non bisogna pensare a medici che diventano "segretarie" che inseriscono dati in un sistema ma un sistema che si alimenta dalla vita reale trasformandola in digitale. User experience, Nurse experience, Doctor Experience, Health Manager experience e potrei continuare all'infinito. Una delle chiavi del successo di AMAZON, Spotify, Netflix, Youtube Linkedin, Amazon, è l'uso "invisibile" della raccolta e gestione dei dati ma io ho sempre a disposizione quello che mi serve, quando mi serve. Questo è quello che vorremmo ed è la grande sfida della medicina personalizzata, quella che cure le PERSONE e non le malattie, non i CRONICI, ma gli anziani, le persone fragili.
Pillon
Sergio Pillon
Vicepresidente at AiSDeT - Associazione italiana Sanità digitale e Telemedicina   

Gli interventi del 17 Giugno 2022

Gli interventi del 18 Giugno 2022

Full Ticket in offerta a 99€+IVA anziché 549€+IVA solo fino al 2/03